Una raccolta delle ultime notizie di cronaca, con articoli incredibili, strani, curiosi, divertenti, simpatici e sempre aggiornati! Diventa fan su facebook e seguici su twitter per non perderne nessuna!

Ritrovaci su Twitter e Facebook

venerdì 9 marzo 2012

Bimbo di 4 anni diventa arancione

ODIHAM - Convincere i bambini a mangiare le verdure è una questione comune a molte mamme, ma per Angie, madre di Leo Barnett, quattro anni, il problema si presenta al contrario: suo figlio non può ingerire nessun cibo contenente carotene, altrimenti diventa arancione. Il piccolo è probabilmente l'unica persona del Regno Unito a soffrire di iper-beta carotenemia, una disfunzione che non permette al suo corpo di trasformare il carotene, contenuto in frutta e verdura, in vitamina A. Così Angie si è vista costretta ad eliminare dalla dieta di Leo tutti gli alimenti incriminati.
A causa della rarità della disfunzione, ci sono voluti mesi per diagnosticarla. La prima volta che la donna ha notato un disturbo è stata quando il piccolo aveva sei mesi e la sua pelle ha cominciato a colorarsi di arancione. Allora il bambino ha sofferto di polmonite, così i genitori hanno creduto che il colorito fosse dovuto ad un indebolimento di reni e fegato, ma a un mese dalla guarigione il colorito di Leo era ancora aranciato. Così il medico di famiglia ha consigliato una visita specialistica, e la diagnosi è stata che il bambino mangiava troppe carote. Ma anche dopo tre settimane senza assumere cibi conteneti carotene la situazione non è migliorata. In seguito ad esami più specifici, i medici hanno riscontrato la mancanza di un enzima che permette la trasformazione del carotene in vitamina A, indispensabile per il buon funzionamento del sistema immunitario. La pelle di Leo restava arancione a causa dell'accumulo di carotene, che comunque non è considerato rischioso per la salute, ma il rischio più grave è proprio la debolezza del sistema immunitario del bambino, per cui anche un raffreddore potrebbe risultare fatale.
Per arginare la situazione, Leo deve prendere vitamina A in gocce e ripetere gli esami del sangue ogni sei mesi.




Fonte: Leggo.it

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog