Una raccolta delle ultime notizie di cronaca, con articoli incredibili, strani, curiosi, divertenti, simpatici e sempre aggiornati! Diventa fan su facebook e seguici su twitter per non perderne nessuna!

Ritrovaci su Twitter e Facebook

lunedì 5 marzo 2012

Donna tradita tappezza New York di manifesti contro il marito

Caro Steven, posso avere la tua attenzione ora? So tutto di lei, brutto sporco, viscido, immorale, infedele ipodotato e disgustoso che non sei altro. Ho filmato tutto, non ti preoccupare. La tua (presto ex) moglie Emily Ps: ho pagato l' annuncio con il nostro conto comune in bancaMaxicartelloni e volantini a Times Square contro il marito

NEW YORK - Steven è uno sporco maiale ed era tempo che la gente se ne rendesse conto. Ma non tanto per dire. La gente intesa come i milioni di visitatori che ogni giorno gremiscono Times Square. Dunque Steven è un infedele schifoso in diretta tv planetaria. Con tante grazie ad Emily, la moglie tradita che ha pensato di comprare due spazi pubblicitari nel cuore di Manhattan per prendersi una sottile (neppure tanto) e meritata rivalsa: svergognare il marito che va a letto con la migliore amica di lei. Ex migliore amica, si suppone. Di bizzarre celebrities che comprano pagine sui quotidiani per dichiarare il loro amore alla fidanzata, si è già parlato. Ma una moglie ferita che dissangua il conto bancario per gridare la sua rabbia al mondo intero, è un gesto che permette di valicare una frontiera nuova e per il momento misteriosa. Emily ha documentato la sua operazione con dovizia grazie ad un blog ora molto popolare. La felice decisione di regalare al povero Steven due settimane d' inferno (tanto l' annuncio rimarrà esposto) è giunta dopo una ventina di giorni di meditazioni focose. Dalla cronaca della ragazza affiora l' immagine di una giovane piuttosto brillante, 35 anni, forse qualche chilo di troppo, frustrata dalle scarse attenzioni di un marito parecchio propenso a spendere la maggior parte del suo tempo guardando il baseball in tv. Insomma, probabilmente non un caso isolato in America. Da qui la pioggia di messaggi di congratulazioni ricevuti da Emily. Pezzo forte del blog è il filmato che incastra il marito traditore, quello girato dall' investigatore con i due piccioncini mano nella mano. Emily ha fatto installare il cartellone anche nel Lower East Side, di fronte all' ufficio del marito che, si suppone, non se la stia passando a meraviglia. Ma, appunto, si suppone. Perché c' è ancora un alone di mistero che circonda Emily, il cui annuncio è stato scambiato sulle prime con la pubblicità di una banca, di una ditta farmaceutica o infine di una nuova serie di romanzi d' appendice. E c' è chi ancora non è convinto della storia della moglie scornata, e fiuta un tormentone estivo. Anche perché la tempistica è ideale in una New York che ha appena vissuto una settimana a base di corna domestiche, con le cronache dei tabloid tempestate di dettagli sul tradimento subito dalla bella Christie Brinkley, l' ex top model, già moglie di Billy Joel, ingannata dal marito con una ragazzina di 19 anni. Insomma, Emily sembra la pasionaria ideale di un movimento in divenire. Ma che abbia speso 70 mila dollari per togliersi uno sfizio (circa 56 mila euro prelevati dal conto comune con Steven...) pare un gesto poco credibile. Se tutto fosse vero, sempre secondo Emily, mariti traditori tremate. E pensateci due volte a invitare per un drink la segretaria ambiziosa. Potrebbe finire male. Compreso vedere la propria privacy fatta a brandelli pubblicamente con dettagli orrendi. Tipo quando Emily rivela di essere stata costretta a circuire Steven sul divano durante le partite di baseball, come unica chance per fare un po' di sesso. Gli addetti alla manutenzione hanno piazzato l' enorme annuncio non lontano da un cartello pubblicitario di Sex in the City, la fortunata serie tv, simbolo della liberazione femminile. La fiction contro la realtà? Gli operai nutrono ancora qualche sospetto perché, interrogati sul posto, dicono che esiste già una seconda versione del cartello che sostituirà il messaggio anti-Steven. Il resto, dunque, alla prossima puntata.

 


Fonte: Corriere.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog