Una raccolta delle ultime notizie di cronaca, con articoli incredibili, strani, curiosi, divertenti, simpatici e sempre aggiornati! Diventa fan su facebook e seguici su twitter per non perderne nessuna!

Ritrovaci su Twitter e Facebook

sabato 21 aprile 2012

I paradossi della giustizia italiana: sordomuto a processo per ingiurie

Paradossi della giustizia: un sordomuto finisce a processo con l’accusa di ingiuria. La vicenda arriva da Viterbo dove la signora Maria Teresa S. ha portato in un’aula di giustizia il 58enne Mario R. -”soggetto sordomuto”- sostenendo di essersi sentita insultata e minacciata dai suoi “mugugni”. LE PROVE – Sul caso sono state acquisite anche le prove che dimostravano che l’imputato non avrebbe potuto emettere alcun suono e quindi era nella impossibilita’ di poter offendere. Da qui la sentenza di non luogo a procedere “perche’ il fatto non sussiste” da parte del gup del Tribunale di Viterbo (aprile 2011). Maria Teresa e’ arrivata sino in Cassazione, facendo presente che “in base alle risultanze processuali” era emerso che Mario R. “poteva emettere suoni quanto meno gutturali anche di elevata intensita’ (grida e/o mugugni)”. Da qui, a sua detta, la potenzialita’ di ingiuriare. L’ARCHIVIAZIONE – Piazza Cavour ha definitivamente archiviato il caso, respingendo la tesi difensiva di Maria Teresa S.. La Cassazione ha fatto notare che “data la prognosi negativa del gup” non e’ possibile dare seguito alle richieste della signora costituitasi parte civile e soprattutto “non e’ possibile dare rilievo alle censure relative alla interpretabilita’ di suoni gutturali come espressioni ingiuriose”. La pubblica accusa di piazza Cavour aveva addiritura chiesto l’accoglimento del ricorso della donna, sollecitando un nuovo processo nei confronti del sordomuto. Intanto sul caso si sono dovuti pronunciare un gup e cinque magistrati di Cassazione. (Adnkronos)


Il sordomuto a processo... per ingiurie

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog