Una raccolta delle ultime notizie di cronaca, con articoli incredibili, strani, curiosi, divertenti, simpatici e sempre aggiornati! Diventa fan su facebook e seguici su twitter per non perderne nessuna!

Ritrovaci su Twitter e Facebook

lunedì 2 aprile 2012

“Pronto? Il mio vicino è un evasore”







C’è anche la madre che denuncia il figlio che lavora a nero in un ristorante, nel computo delle denunce del 117, il centralino anti-evasori a cui oggi Libero dedica un articolo:
C’è la vecchietta ossessionata dall’esplosione di negozi cinesi sotto casa che si premura di catalogare per filo e per segno tutti i mancati scontrini (o meglio, gli scontrini ci sono, solo che a penna mano asiatica ha scritto “non ha valore fiscale”). Cosa hanno in comune questi tre casi? Un numero di telefono, 117. Perché delatore oggi, in Italia, lo sono un po’ tutti. Per rabbia, esasperazione, e anche (guai a sottovalutarla) invidia sociale. E chi se ne frega se la “spiata” alla Guardia di Finanza inguaierà chi salutiamo ogni mattina col sorriso sulle labbra. Il vicino di casa viaggia sul mega suv ma chiede al Comune il bonus bebè? Una telefonata al 117 non gliela leva nessuno. La pizzeria dove mangio il calzone ripieno da una vita tiene i camerieri in nero? Mo’ basta, chiamo.
La campagna contro i furbetti del fisco di Monti sta facendo il suo effetto.
E ieri il ministro dello Sviluppo Passera lo ha detto chiaramente: «Contro l’evasione fiscale ci vuole una sanzione sociale». Ma il messaggio la gente lo ha ricevuto forte e chiaro. Il termometro più attendibile è proprio il numero telefonico istituito da Visco nel 1996: partito in sordina, piano piano ha fatto breccia nelle abitudini dei cittadini arrivando a numeri monstre. Nel 2011 sono state 37.000 le denunce telefoniche antievasione. Ma solo nei primi tre mesi di quest’anno, riferiscono dalla GdF, sono stati in 12.000 ad alzare la cornetta. Con un incremento importantissimo riguardante le denunce di evasione fiscale: confrontando il primo trimestre 2011-2012, a febbraio c’è stato un boom del 382%, a marzo addirittura del 408%.
Ma chi chiama?
Tutti, nessuno escluso: uomini, donne, giovani, vecchi. Anche se dalla centrale operativa di Roma fanno sapere che empiricamente sono più le donne ad alzare la cornetta. Che cosa denunciano? Gli scontrini e le mancate ricevute rimangono un must. Con una differenza rispetto agli anni passati: se prima la gente si scocciava ad aspettare che arrivasse la pattuglia fuori dal bar incriminato, ora stanno impalati come vedette finché non vedono i baschi verdi all’orizzonte. Altro segno della “rieduca – zione” culturale in atto.