Una raccolta delle ultime notizie di cronaca, con articoli incredibili, strani, curiosi, divertenti, simpatici e sempre aggiornati! Diventa fan su facebook e seguici su twitter per non perderne nessuna!

Ritrovaci su Twitter e Facebook

giovedì 12 aprile 2012

Simula una rapina per mantenere il gigolò






TREVISO - Avere un amante, specialmente se si tratta di un gigolò, può essere molto costoso. Lo sa bene una quarantenne di Paese che per accontentare i vizi dell'uomo per cui ha perso la testa è arrivata a inscenare una rapina per giustificare con il marito la mancanza di denaro dalla cassa del loro negozio.
La signora, che da tempo porta avanti una relazione con un ragazzo più giovane, era riuscita finora a malcelare l'infedeltà, ma dopo la rapina inventata non ha potuto far altro che confessare.
Denunciato il fatto ai Carabinieri, sono emerse quasi subito le incongruenze tra le varie versioni raccontate dalla donna, che è stata anche denunciata per simulazione di reato.
A
lle 14.30 di sabato la quarantenne innamorata ha chiamato da casa sua il 112 per denunciare una rapina avvenuta mentre era ferma al semaforo di Paese. Un uomo vestito di nero, con casco nero e moto dello stesso colore, si è avvicinato al finestrino dell'auto, che era abbassato, e ha puntato un coltello alla gola della donna intimandole di consegnare l'incasso della giornata. I soldi, arrotolati nella borsetta della commerciante, erano 500 euro. Questa la versione della donna, che però non ha convinto i Carabinieri per alcuni motivi. Ad insospettire i militari, il fatto che la donna non avesse denunciato subito ma solo una volta tornata a casa, poi che avesse il finestrino aperto a un orario in cui stava diluviando, e che non ricordasse né da che direzione fosse arrivato il ladro né in che direzione si fosse allontanato. Ultimo particolare, nel primo racconto il coltello era stato puntato alla gola, mentre in quelli successivi era stato solo mostrato.





Braccata, la donna ha confessato tra le lacrime di aver inventato tutto perché aveva bisogno di soldi, e che non era neanche la prima volta che inventava bugie per giustificare ammanchi al marito. Già in precedenza, infatti, la signora aveva detto al compagno di aver perso dei soldi che in realtà aveva speso per sé e l'amante. Proprio il coniuge, che ormai era quasi convinto dell'infedeltà della moglie, le aveva detto di denunciare l'accaduto se si fosse verificato di nuovo.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog